Due argenti e un bronzo per Silca Ultralite ai Campionati Italiani Giovanili di Duathlon

VITTORIO VENETO,
Silca Ultralite conquista il secondo posto nella staffetta

Ieri d'argento la staffetta mista con Erica Mazzer, i fratelli Federico e Viola Pagotto e Federico Spinazzè
Sabato a Perugia, argento per Filippo Pradella (Youth A) e un bronzo per Federico Pagotto (Youth B)

D'argento e di bronzo. Questi, per Silca Ultralite Vittorio Veneto, i colori dei Campionati Italiani Giovanili di duathlon disputati nel weekend appena passato a Perugia. Per la società vittoriese, grandi soddisfazioni con l'argento di Filippo Pradella tra gli Youth A, il bronzo di Federico Pagotto tra gli Youth B e l'argento di squadra con la staffetta mista composta da Erica Mazzer, i fratelli Federico e Viola Pagotto e l'azzurro Federico Spinazzè. Un trionfo di medaglie, ai quali sono da aggiungere buonissimi piazzamenti per tutto il team.
Ad inaugurare la trasferta umbra, la gara degli Youth A con, tra gli altri 92 atleti, al via Filippo Pradella e Andrea Mason, alla sua prima gara nazionale. Dopo il blocco gara a causa di un incidente sulla strada del percorso gara, all'avvio Pradella stenta e non riesce, nella prima frazione a piedi, ad esprimersi come al suo solito. Una volta salito in sella alla bicicletta però recupera posizioni su posizioni, ritornando in zona cambio per primo, con altri 5 immediatamente dietro di lui. Nella terza frazione a piedi Pradella non riesce a tenere la testa, ma nell'ultimo tratto, con grande forza di carattere e un'ultima intensa volata, va a conquistare un buonissimo argento, con il crono di 20'45''60, dietro a Giacomo Guerra (DDS) primo in 20'41''20 e davanti a Davide Ingrilli (CNM Triathlon) terzo in 20'46''90. Si comporta bene anche Andrea Mason, che si batte fin dall'inizio per rimanere a ridosso dei primi. Attestatosi nel secondo gruppo, fa un'ottima frazione in bici, ma dettando da solo il ritmo paga lo sforzo nella terza frazione. Chiude 17esimo in 21'49''40.
Poi è la volta di Viola Pagotto, in gara tra le 66 Youth A. Pagotto corre con il suo solito passo che le permette di rimanere nelle prime 20 posizioni. Una volta in sella alla bici, è sicuramente protagonista, ma deve spendere molto, visto che è sempre lei a tirare. Al traguardo un buon 16esimo posto in 24'28''60 al posto al suo primo anno di categoria.
A seguire la gara più attesa della giornata biancorossa, quella dei 74 Youth B, con due atleti da podio, Federico Spinazzè e Federico Pagotto. I due Federico sono fra i primissimi, tirano forte e il gruppo si sgretola via via. In testa si forma un quartetto con Pagotto, mentre Spinazzè resta leggermente attardato, in quarta posizione. In sella alla bici, Spinazzè si scatena, tanto da raggiungere ben presto la testa della corsa e allungare. Al rientro in zona cambio, Spinazzè ha guadagnato una cinquantina di metri. Nella frazione a piedi però si vede che le gambe non girano bene, il vantaggio si affievolisce e Spinazzè viene superato da tre atleti tra cui Pagotto, che resiste con tutte le sue forze all'allungo di Diego Boraschi (Torrino Tri Team), che va a vincere in 30'07''70 davanti a Thomas Bertrandi (Torino Triathlon), secondo in 30'13''40. Per Pagotto il crono di 30'24''70 che significa un grandissimo bronzo che vale "oro", dopo tanti piazzamenti. Spinazzè, nonostante il miglior parziale sulla T2 (ciclismo), questa volta si deve "accontentare" di un quinto posto in 30'50''50.
Sul finire del pomeriggio, la quarta gara, quella dedicata alle 53 Youth B. Erica Mazzer parte bene e resta nelle prime 15. Nella frazione di ciclismo è ancora una volta protagonista, rientrando prima del secondo gruppetto. Poi a piedi corre e bene, guadagnando metri sulle prime, che però sono troppo lontane. Per lei, al primo anno di categoria, arriva un nono posto in 36'01''30.
Ieri, giornata dedicata alle staffette. In gara, con tante speranze, il tema Youth di Silca Ultralite. Al via Erica Mazzer risente un po' della fatica del giorno precedente, ma tiene una buona posizione e il distacco dalle prime non è eccessivo. Poi tocca a Federico Pagotto, che va subito fortissimo e recupera secondi preziosi, attestandosi tra la quarta e la settima posizione. Federico dà il cambio alla sorellina Viola, costretta a fare praticamente gara da sola, senza avversarie vicine. Con grinta e determinazione Viola dà il cambio a Federico Spinazzè che parte fortissimo, recupera nella prima frazione a piedi e poi in bicicletta fa un capolavoro, rientrando in zona cambio al terzo posto. Davanti sembra ormai fatta, con Minerva Roma lontana. Rari Nantes Marostica è un po' più vicina, ma con vantaggio sufficiente per conservare la posizione. Dopo aver tagliato il traguardo al terzo posto, Silca Ultralite festeggia l'argento dietro Marostica, mentre Minerva Roma viene squalificata per l'inversione dei frazionisti.
"Che trasferta trionfale per noi, davvero bravi tutti - commenta il presidente - allenatore di Silca Ultralite Vittorio Veneto, Aldo Zanetti - tre medaglie sono un bel bottino, che premia i nostri ragazzi che si stanno dedicando con autentica passione e forte impegno a questa disciplina da un paio d'anni. Due argenti, un bronzo e un quinto posto due anni fa sarebbero stati impensabili, invece a Perugia abbiamo finalmente raccolto quello che abbiamo seminato, grazie anche a un grandissimo lavoro fatto nel ciclismo con il tecnico Ivan Pellegrinet. Ora guardiamo con attenzione agli Europei Junior di Duathlon che si disputeranno in Spagna nel weekend e che vedranno in gara, in una categoria superiore, Federico Spinazzè".

Scarica il comunicato (PDF)